Nulla resta, tutto passa

Aspetterò l’uomo armato, a volto scoperto,
senza più il passamontagna,

mi intimiderà l’inutile minaccia,
il propedeutico dilemma del mondo,

quando quel che hai con quel che sei
coincidono, ma l’altro non lo sa,

eppure dovrebbe. Faremo conoscenza
ed io, impietrito dalla paura, alzerò

le braccia al cielo come i rami degli alberi,
le onde dei mari, i fumi dei vulcani,

poi aspetterò la pioggia, le foglie,
il magma, le braccia cadere.
*

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...